Feed RSS

Archivi tag: Diavolo

SE PROPRIO LA DEVI GIOCARE, GIOCALA SPORCA!

Inserito il

Il giocatore di biliardo mirò alla nove d’angolo con la sigaretta stretta tra i denti e tante goccioline di sudore che gli imperlavano la fronte. Sapeva che quel colpo poteva valergli molto più della vita. Il diavolo lo osservava dall’altro lato del tavolo verde, impegnato a lavorarsi col gessetto la punta della sua stecca. Per lui era solo una delle tante partite.
– Se la butto sono salvo, vero? – chiese l’uomo per l’ennesima volta.
– Per ora… – rispose ammiccando Belzebù.
Partì il colpo, la palla s’alzò inaspettatamente e colpì il demone in mezzo agli occhi lasciandolo in terra stecchito.

http://101parole.blogspot.com/

LUCY

Inserito il

Non avevo mai creduto al diavolo, almeno fino al giorno in cui la lasciai. Lucy si chiamava. Come le altre incominciò a tormentarmi con gli sms.
“Usciamo domani?”
“Dove sei?”
“Chiamami!”
A me ne bastò uno per chiudere il discorso. “È stato bello, piccina…”
Ma ero io l’illuso.
Venne a trovarmi in sogno, accompagnata dal demonio. Mi disse che se non tornavo da lei potevo dire addio alla mia anima. Anche se non frequento le chiese alla mia anima ci tengo…
Come è finita? Splendidamente!
Ci siamo sposati, abbiamo due bellissimi figli e un mutuo da saldare in vent’anni.
Maledetto demonio!!!

LEGGI ANCHE: Ragazza Revolver

900270624411

Inserito il

negroni

Dio é di moda. Dio é assolutamente cool, tanto quanto il diavolo. Gesú e Lucifero se ne vanno a braccetto per le strade del centro a farsi un aperitivo al bar. Spelluzzicano salatini ordinando due negroni, si appoggiano al bancone e si mettono ben in mostra. Gesú ha gli occhiali da intellettuale, alla moda, con la montatura nera e squadrata. Lucifero ovviamente porta due lenti a specchio. Arrivano i negroni, alzano i bicchieri e fanno cin-cin. Brindano al loro successo. Best sellers mondiali nelle librerie e tanto sano rock’n’roll. Le azioni della Jesus & Luxifer non potrebbero andare meglio, nonostante la crisi.
– Che ti avevo detto Lou… Son passati duemila anni e siamo sempre sulla cresta dell’onda. –
– Hai sempre avuto un grande fiuto per gli affari, J. –
– Propongo un altro brindisi… A noi! –
– A noi! –
Il clangore dei bicchieri provó ad assordare una manciata di atei, gli ultimi rimasti. Ma i senza-dio furono lesti a tapparsi le orecchie. “Non ci avrete mai!” pensarono. Poi tornarono a contemplare il vuoto.

PICCOLE LETTURE CON CARNE DI CUORE TRITATA