Feed RSS

BEPPINO IL GATTO

Tra i cassonetti ed i luridi vicoli della città viveva Beppino, un gattino tigrato magro magro, con gli occhi gialli come la luna e quattro zampine rapide che lo facevano zampettare a destra e a sinistra, su e giù e poi ancora di lato, e non c’era randagio o altro felino della città che riusciva mai a stargli dietro. Infatti Beppino era probabilmente il mammifero più veloce di tutto il paese, che era un paese moderno, fatto di cemento e d’acciaio, e gli animali esotici come la pantera o il ghepardo se ne stavano nelle gabbie degli zoo, con i musi mogi appoggiati sulle zampe anchilosate. Beppino, appena vedeva un topo, gli balzava addosso, ma di solito non se lo mangiava, perché l’appetito era l’ultimo dei suoi interessi. Gli piaceva però correre, e allora a volte dava al topo un po’ di vantaggio e poi gli andava dietro, saltava, slittava, si arrampicava per i muri e sulle tegole dei tetti fino ad avercelo proprio sotto, ma se non era l’ora di pranzo lo lasciava andare miagolandogli “Ti è andata bene topolino, oggi non ho fame… continua…

Annunci

Informazioni su Willoworld

Raccontastorie, Narraleggende, Inventore di mondi, scrittore, fotografo, padre, blogger e giocatore di ruolo http://www.willoworld.net/

I commenti sono chiusi.

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: