Feed RSS

DUE ANNI DI KHARONTE

Inserito il

A due anni di distanza ripropongo sulla homepage le avventure di Kharonte, il traghettatore di anime di un gruppo molto particolare di amici.

Gimio Peineria

GIMIO PEINERIA

Ricordo bene quando mi avvicinai alla riva con il mio barcone, e lo vidi per la prima volta. Non sembrava affatto disturbato da tutta quella sceneggiata; urla, dannati, diavoli e serpi.
Se ne stava tranquillo a fumarsi un cicchino, scrutando le oscurità nelle quali si perdeva l’Acheronte, come in attesa di un tram, o del suo turno al bancone gastronomico.
La gente quando mi guarda reagisce sempre con un sussulto; lui invece non fece una piega. Inarcò le sopracciglia, soffiò del fumo di lato e disse:
«Allora Kharonte, le hai buttate le paste?»
Cercai di carpire il significato di quelle parole, più per curiosità che altro. In fondo il mio lavoro è fare il traghettatore. A piazzare le anime dannate ci pensano quelli dei piani alti.
Ma ero convinto che quella frase celasse un enigma, così gli risposi:
«Ancora l’acqua non bolle. Ma ci siamo quasi…»
«Bravo…» rispose lui. «Vedi di non farla scuocere…»
Poi montò sul barcone e prendemmo il largo.
Non disse altro per tutto il tempo della traversata. Si limitò a scrutare il cielo nero e le acque schiumanti di rosso.
Quando giungemmo dall’altra parte provai di nuovo a sondare i suoi pensieri.
«Ascolta Gino… vanno bene cacio e burro?»
Lui si voltò guardandomi con un mezzo sorriso, e rispose.
«Vista la situazione, le preferirei alla diavola…»
Poi se ne andò, a pagare i suoi peccati, ad urlare o a cantare. Chissà…

FONTE: Kharonte

Annunci

Informazioni su Willoworld

Raccontastorie, Narraleggende, Inventore di mondi, scrittore, fotografo, padre, blogger e giocatore di ruolo http://www.willoworld.net/

I commenti sono chiusi.

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: